​Teleradiologia: casi ed esperienza acquisita in campo militare

Articolo scientifico.
Autori: G. Cenname, I. D’Ambrosio, C. Ajello.

Lo scopo di questo lavoro è quello di valutare la validità e l’utilità della teleradiologia, basandosi sull’importante casistica acquisita in ambito militare tra gennaio 2006 e dicembre 2010. Sono stati raccolti tutti i teleconsulti o le telediagnosi di radiologia richiesti da diversi luoghi in cui operavano i militari, ossia Kosovo, Iraq, Ciad, nave Etna nell’Oceano Indiano e nave Cavour ad Haiti in occasione del terremoto, per un totale di 1132 casi, dei quali 704 di militari e 428 di civili. Il numero totale di esami radiologici richiesti è stato di 1132 (704 militari e 428 civili). Il confronto tra le diagnosi effettuate in teleradiologia e quelle eseguite in Italia sui pazienti successivamente trasferiti, ha evidenziato una concordanza quasi perfetta secondo il test statistico κ di Cohen (92,59% di diagnosi radiologiche sovrapponibili) a fronte di un esiguo numero di falsi positivi (2 casi, 7,4%). In conclusione si può dire che l’impiego della teleradiologia da parte della Sanità Militare ha permesso di effettuare diagnosi valide e di ridurre gli errori diagnostici, limitando i trasferimenti dai luoghi operativi agli ospedali solo in casi davvero necessari.

Per leggere l’articolo completo clicca qui.

Categorie correlate