​Innovazione, etica e sostenibilità, le parole chiave del 46° Congresso Nazionale del SIRM

​Innovazione, etica e sostenibilità, le parole chiave del 46° Congresso Nazionale del SIRM
Dal 22 al 25 maggio, presso la Fortezza da Basso in Viale Filippo Strozzi a Firenze, si terrà il 46° Congresso Nazionale della Società Italiana di Radiologia Medica (SIRM), presieduto dal prof. Carlo Bartolozzi, Direttore del Dipartimento di Radiologia Diagnostica ed Interventistica dell’Università di Pisa. Come ogni anno, questo appuntamento è l’evento più importante per tutti i medici radiologi che intendono aggiornarsi sugli ultimi sviluppi della scienza e della tecnologia in campo radiologico. Tutti i medici, inoltre, possono sfruttare quest’occasione per discutere insieme delle problematiche relative alla professione; la 46° edizione offrirà ai partecipanti anche numerosi argomenti utili per la formazione.
 
Come riporta Pagine Mediche, a questo congresso parteciperanno circa 5.000 medici radiologi soci del SIRM; in totale saranno presenti circa 7.000 partecipanti, tra i quali oltre 100 medici di altre discipline, rappresentanti di società radiologiche straniere e oltre 100 rappresentanti di aziende produttrici di attrezzature radiologiche e di device utilizzati in radiologia interventistica. Il congresso del 2014 ruoterà intorno a tre argomenti principali: innovazione, etica e sostenibilità. Il primo punto riguarda lo sviluppo tecnologico, processo al quale la radiologia è strettamente legata: solo con l’innovazione, infatti, è possibile migliorare le tecniche diagnostiche. Ma lo sviluppo deve andare di pari passo con il rispetto e i bisogni reali del paziente, e da qui ci si ricollega al problema etico, una riflessione che deve riportare al centro del sistema sanitario la salute del paziente. La razionalizzazione e la riduzione della spesa sanitaria sono invece le parole chiave per affrontare il tema della sostenibilità: lo United Nations Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation (Unscear) avverte che nell’ultimo decennio il numero di esami radiologici è aumentato del 10%. Per diffondere la cultura della sostenibilità bisogna ridurre gli sprechi, fare controlli efficaci ed eseguire solo gli esami veramente necessari.
 
Durante il Congresso ci saranno diverse Tavole Rotonde dal taglio multidisciplinare: gli obiettivi saranno quelli di definire il ruolo della radiologica diagnostica e interventistica nei tanti settori sanitari. Ci saranno poi numerosi workshop e corsi di aggiornamento che costituiranno la parte educazionale e divulgativa del meeting. Tra questi ci sarà anche il Basic Life Support (CLS), corso per imparare a intervenire in situazione di emergenza esercitandosi sui manichini, seguendo le indicazioni di esperti del settore. L’Aula Multimediale, dotata di 80 postazioni di lavoro, offrirà ai partecipanti la possibilità di imparare a utilizzare gli strumenti informatici sotto la guida di radiologi esperti in applicazioni cliniche. I rappresentanti delle industrie dei macchinari radiologici, inoltre, avranno uno spazio tutto per loro durante il quale potranno presentare le ultime novità tecnologiche. Infine, i centri di ricerca accademici italiani, per la prima volta nella storia del congresso SIRM, potranno presentare i risultati delle proprie attività nel campo dell'elaborazione e della visualizzazione delle immagini diagnostiche grazie all’Imaging Quantitativo. Grazie a un open space dedicato e a delle work stations, tutti i partecipanti potranno vedere in anteprima tutti i progetti di bio tecnologia attualmente in fase di sviluppo in Italia. Insomma, anche quest’anno il Congresso Nazionale si riconferma come l’evento più importante per i medici radiologi italiani, che potranno affrontare insieme, ancora una volta e in maniera ancora più innovativa, le novità tecnologiche e anche tutti i temi riguardanti la professione.
Per maggiori informazioni clicca qui.

Categorie correlate