BOOP-COP: CORRELAZIONI ANATOMO-HRCT

BOOP-COP: CORRELAZIONI ANATOMO-HRCT

BRONCHIOLITE OBLITERANTE CON POLMONITE ORGANIZZATIVA (BOOP- COP)

 

Nella maggior parte dei casi IDIOPATICA, la BOOP-COP può rappresentare in piccola percentuale una risposta aspecifica del polmone a noxae diverse:

-         in corso di collagenopatie;

-         droghe e farmaci;

-         infezioni sia virali che batteriche;

-         radioterapia;

-         associata a neoplasie, granulomi infettivi, vasculiti, infarto polmonare;

-         come elemento minore di accompagnamento in corso di alveolite allergica estrinseca (AAE), NSIP, Istiocitosi X, trapianto di midollo allogenico, trapianto polmonare.

 

ANATOMIA PATOLOGICA.

-         Presenza di “POLIPI” di tessuto connettivo lasso all’interno di BRONCHIOLI TERMINALI o RESPIRATORI (componente bronchiolitica), nonché DOTTI ALVEOLARI ed ALVEOLI circostanti (polmonite organizzativa);

-         SETTI ALVEOLARI ISPESSITI da infiltrato infiammatorio cronico (linfociti, plasmacellule), e talora rivestiti da pneumociti tipo II iperplastici;

-         Intenso infiltrato di macrofagi schiumosi.

Tali alterazioni anatomo-patologiche si appalesano per solito come focolai multipli, temporalmente uniformi. Può mancare la componente bronchiolare, da cui il termine il termine oggi maggiormente adottato di polmonite organizzativa criptogenetica (COP).

 

CORRELAZIONE ANATOMO-HRCT.

 

-         FOCI ORGANIZZATIVI ESSUDATO INFIAMMATORIO ENTRO BRONCHIOLI, DOTTI ALVEOLARI ED ALVEOLI

Consolidazione (FIG.1); talora bronchiectasie tubulari entro le aree addensative.

 

-         INFIAMMAZIONE SETTALE, ORGANIZZAZIONE INTRALUMINALE DI MODESTA ENTITA’

          Ground-glass (FIG. 2)

 

-         BRONCHIOLITE

          Micronoduli centrolobulari (FIG. 3)

 

Le alterazioni densitometriche prediligono in una discreta percentuale la periferia del lobulo. Tale predilezione si appalesa o come pattern perilobulare (FIG. 4), ovvero come segno dell’alone di ground-glass invertito (FIG. 5).

 

Dunque riassumendo gli ELEMENTI utili per una DD (FIG. 6):

-         lobi inferiori, mono o bilaterale;

-         distribuzione subpleurica e peribronchiale;

-         spesso distribuzione lobulare periferica (pattern perilobulare, halo sign inverso)

 

 

Categorie correlate