ATELETTASIA ROTONDA: SEMEIOTICA HRCT

ATELETTASIA ROTONDA: SEMEIOTICA HRCT

ATELETTASIA ROTONDA

L’atelettasia rotonda viene rilevata  in adiacenza di un’area di fibrosi pleurica e consiste di parenchima polmonare collassato, circondato da pleura ispessita ed invaginata.

Molte teorie sono state proposte per spiegarne la patogenesi. Due sono correntemente le più accettate:

-         L’atelettasia rotonda risulta dalla compressione di parenchima polmonare conseguente ad emorragia pleurica, con coinvolgimento e distorsione del polmone adiacente;

-         L’atelettasia rotonda si genera a seguito di un processo infiammatorio della pleura, ad evoluzione fibrosante, che determina compressione del parenchima polmonare adiacente, occlusione bronchiale e collasso a valle.

Vediamo le conseguenze, indipendentemente da quali dei 2 meccanismi sia comunque in gioco.  La quota di parenchima collassato comporta evidentemente una riduzione di volume tanto maggiore quanto più grande è l’entità del collasso. Dalla conoscenza dell’anatomia polmonare sappiamo che le diramazioni bronchiali decorrono consensualmente alle diramazioni arteriose, caratterizzate entrambe da analoghe divisioni dicotomiche (rapporto calibro bronco/arteria di tipo 1:1), decorrenti dalla regione ilare sino alla periferia rappresenta dal centrolobulo.

Ora possiamo immaginare che l’atelettasia rotonda periferica, causa la perdita di volume associata , determini una riduzione di distanza tra peduncolo bronco-vascolare ilare e polmone periferico atelettasico; le strutture broncovascolari, “detese”, assumono decorso curvilineo, convergente verso l’atelettasia. E’ a questo sequenza che si deve il determinarsi, in corso di esame TC del torace ad alta risoluzione (HRCT),  di quell’importante segno semeiologico radiologico noto come “segno della coda della cometa” (FIGG. 1, 2).

L’importanza di riconoscere correttamente questa entità nosologica risiede nel fatto che, quando questa è sufficientemente estesa, può assumere morfologia rotondeggiante creando problemi di diagnosi differenziale con  processi espansivi.

Compendiamo gli elementi che possono indirizzare con affidabilità verso l’atelettasia rotonda:

-         Iperdensità rotondeggiante strettamente subpleurica parietale, solitamente postero-basale;

-         Adiacenza della nodulazione con un focale ispessimento del piano pleurico, di varia entità;

-         Convergenza delle strutture broncovascolari verso  l’alterazione densitometrica (segno della coda della cometa) (FIGG. 1, 2).

Infine, sebbene un corretto inquadramento del rilievo di tale alterazione densitometrica non ne richieda necessariamente l’utilizzo, il completamento dell’esame TC del torace con infusione e.v. di mdc può essere di ausilio poiché, essendo l’atelettasia rotonda sostenuta da polmone collassato, registreremo l’impregnazione elevata ed omogenea propria del parenchima polmonare.

 

Categorie correlate